BC-5380

Grazie all'impiego di tre comprovate tecnologie, il nuovo analizzatore ematologico BC-5380 esegue analisi rapide e affidabili con soli 20 uL di sangue. Per risparmiare tempo e migliorare l'automazione, lo strumento è dotato di un caricatore automatico che supporta 30 provette per volta e raggiunge una produttività di 60 campioni all'ora. Con il diffuso software basato su Windows, è possibile eseguire facilmente le analisi di routine, gestire i risultati dei pazienti, impostare la pulizia automatica e connettersi a un server LIS. L'analizzatore BC-5380 è la scelta ideale per velocizzare il flusso di lavoro quotidiano.


Caratteristiche

Differenziale diffusione laser per garantire la massima precisione

· Diffusione laser a semiconduttore per la differenziazione dei leucociti per dimensione e complessità della granulazione
· Algoritmo di clustering brevettato per la separazione dei gruppi di cellule con la massima precisione
· Dati di flagging intuitivi per semplificare l'individuazione di campioni anomali

Campionamento automatizzato versatile

· Caricamento automatico 30 provette per una produttività continua
· Vano provette chiuso e indipendente per i campioni STAT e capillari
· Supporto di alcune provette Microtainer

Sono sufficienti 20 uL di sangue e 1 minuto per ottenere un referto in cinque parti

· Supporto di campioni di sangue intero e capillare
· Campioni di 20 uL di sangue per analisi CBC+DIFF e 15 uL per analisi CBC
· Produttività massima di 60 campioni all'ora
· Consumo ridotto di reagenti

Software di facile utilizzo per funzioni di analisi e manutenzione

· Personalizzazione di gamma di riferimento, stili referto e programma pulizia automatica
· Monitoraggio qualità giornaliero
· Connessione LIS bidirezionale
x

Open WeChat and Scan the QR code. Get the Webpage and Share on Moments.

Disclaimer

Dichiaro di essere un operatore professionale della sanità.

Comprendo che le informazioni inviate da Mindray sono destinate in via esclusiva agli operatori professionali in conformità al D.Lgs. 1997, n. 46 e alle Linee Guida del Ministero della Salute del 17 febbraio 2010 e successivi aggiornamenti.